Viaggio in Andalusia, Spagna

Vi porto a spasso con me attraverso le città più suggestive dell’Andalusia: Siviglia, Cordova e Granada. Cartina a portata di mano, scarpe comode, zaino in spalla e via!

Siviglia

Il mio viaggio in solitaria inizia qui: Siviglia. Ah, Siviglia… Avevo paura di avere poco tempo per visitare la città, avendo deciso di passare qui il primo giorno dopo l’arrivo e l’ultimo giorno prima di ripartire. Infatti, a casa avevo trascorso ore organizzando i posti da vedere, che sono davvero tanti, e ormai avevo quasi imparato le strade a memoria. Per questo motivo pensavo che la città mi avrebbe un tantino delusa, essendomi spoilerata quasi tutto con le foto di Google Maps. Continua a leggere

Annunci

Cuore di tenebra di Joseph Conrad

Nel corso della mia troppo breve esperienza di lettrice, devo ammettere, nella mia ignoranza, che Joseph Conrad era uno scrittore pressoché sconosciuto. Non avevo mai indagato oltre il semplice nome, ma sto rimediando. Mi avvalgo di questa deplorevole premessa come espediente per scusarmi se questa recensione, che vuole essere più che altro un commento per condividere le mie sensazioni, risulta frammentaria a causa di una scarsa visione d’insieme sull’autore e sul periodo storico affrontato nel libro. Dato che mi demotivo facilmente, avevo bisogno di scrivere più decorosamente le mie riflessioni, che altrimenti sarebbero rimaste troppo a lungo sotto forma di scribacchi disordinati sul mio quaderno delle letture.

Cuore di tenebra di Joseph Conrad

Solo un tetro silenzio e una densa foschia accompagnano il racconto del capitano Marlow, fatto di ricordi del passato che sembrano galleggiare sulla profonda oscurità che lenta e inesorabile inghiotte il tratto finale del Tamigi, ai margini della più importante città del mondo, dove i marinai in ascolto viaggeranno in Africa, navigando un fiume alla scoperta di una terra ignota e misteriosa. Continua a leggere

La Storia Infinita di Michael Ende

“Ci sono una quantità di porte che conducono in Fantàsia, ragazzo mio. Di libri magici come quello ce n’è più d’uno. Molta gente non se ne accorge neppure. Dipende appunto da chi prende in mano un libro simile”.

“Allora vuol dire che la Storia Infinita è diversa per ciascuno?”

“È proprio quello che intendo”.

In questi giorni girovagando in libreria l’occhio si è posato diverse volte su questo libro, il libro di tutti i libri, che lessi molto tempo fa. Un libro corposo che mi aveva fatto riflettere tanto. Perché, dunque, non provare a riportare alcune considerazioni? Continua a leggere

I ragazzi di via Pál e Cuore

Oggi anche sul Grund della via Pál si erge malinconicamente un palazzone a quattro piani, pieno di inquilini nessuno dei quali forse sa che quel briciolo di terra racchiude il segreto più profondo della giovinezza di un gruppo di ragazzi poveri di Budapest.

I ragazzi di via Pál (1907) di Ferenc Molnár è ambientato nell’ultimo decennio dell’Ottocento e narra le vicende di un gruppo di adolescenti che dopo la scuola si ritrova al Grund, un terreno che circonda una segheria, luogo ideale per giocare agli indiani o ai soldati, un terreno che grazie all’immaginazione può diventare qualsiasi cosa. Continua a leggere

Fiabe Tuareg

Leggende degli uomini del deserto

 

In cielo splendono miriadi di stelle e la posizione degli astri qui, vicino all’equatore, è diversa da quella che vediamo in Europa: ha qualcosa di estraneo, così come il paese, i suoi abitanti, le loro abitudini e le loro leggende.

Continua a leggere

Palomar di Italo Calvino

Palomar

Questo libro mi è stato regalato da mia sorella per Natale. Premessa per dire che, leggendolo, uno dei miei primi pensieri è stato ecco… adesso dovrò dirle che non mi piace. Leggendo il retro della copertina avevo capito poco o nulla, non riuscivo a farmi una idea di cosa trattasse. Questa idea, per fortuna, è sfumata fino a scomparire dopo il primo capitolo.

Continua a leggere